<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

BarCamp Roma 03/01/07

Invasioni barbariche: quando (e se) gli utenti "comuni" occuperanno la rete...

Questo, sommariamente e assai provvisorio, sarà il tema del mio intervento al BarCamp di Roma. Il titolo credo non abbia bisogno di grosse spiegazioni; per utenti "comuni" intendo quelli che oggi non accedono alla rete o che sono assai distanti (concettualmente ed a livello di conoscenza minima) dalla "fruizione" di internet. Barbariche perchè l' atteggiamento di questi utenti sarà lo stesso (limitatamente al mezzo internet) dei barbari: lingua diversa, non conoscenza delle regole (anche etico/comportamentali) e assoluta anarchia nei comportamenti (interazioni).

Un esempio assai chiaro è quello delle icone dei feed: sono convinto che un utente "fresco" (scusate ma non trovo il termine esatto, potrei dire inesperto, semplice, etc. etc.) cliccherà sul bottone, con il risultato di aprire il file XML (RSS) o il feed di feedburner... cosa farà in quel caso? Lascio a voi le conclusioni...

Credo che il rapporto con un utenza "ignorante" (in merito al web) sarà un argomento che ricorrerà in questo 2007; anzi, direi che il mio è un auspicio: riempire la rete di nuovi e (consentitemelo) incontaminati protagonisti sia un bene per tutti, così come impedire che il rapporto tra utente e mezzo si trasformi seguendo una linea di tipo televisivo.

Per evitare questo la conoscenza è fondamentale e un blogger intelligente deve cominciare a porsi il problema (magari seguendo le indicazioni di Blogger lungimiranti: come si apre un blog, cos' è un feed RSS)...

Vi lascio con una breve citazione, da questo post del blog vinotecaonline:

La formula del blog e' la seguente: io scrivo, esprimo un'opinione; tu leggi, non sei d'accordo, inserisci un commento (magari pure aspro, duro) e motivi la tua contrarieta'. Loro, tutti gli altri, leggono e si fanno un'idea...

Il fatto che questa definizione (assolutamente sintetica quanto condivisibile) provenga da un blog che si occupa di vino dovrebbe far riflettere... soprattutto quanto ci si chiede se un blog di template sia o meno un blog.

Etichette:

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti