<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Questa è una porcata 24/06/07

ISP ads

Pensate se il logo di fianco comparisse su tutte le pagine che visitate... un banner pubblicitario presente in ogni sito web intendo, compresi i vostri siti (o quelli che avete realizzato per lavoro). Bene, è successo e credo che, almeno in Texas, stia continuando...

» continua

Ben anderson segnala appunto che il banner in questione è presente in quasi tutti i siti che visita. La cosa è curiosa ma l' analisi successiva di Techcrunch ci svela il misfatto:

Texas based ISP Redmoon has implemented software that hijacks pages being visited by their customers by placing Redmoon’s own ads on these pages.

In pratica l' ISP in questione inserisce contenuti pubblicitari a prescindere dal sito... cioè lui inserisce la pubblicità e lui ci guadagna.

La prima cosa allucinante è il fatto che l' autore dei contenuti che "ospitano" la loro pubblicità non ne sappia niente, infatti persino il mio sito per un cliente di Redmoon potrebbe ospitare Ads ed io, non solo non ne saprei nulla (a meno che non mi faccia una gita in Texas) ma nemmeno riceverei un Euro.

Il sistema si basa sulla tecnologia di NebuAD ed in pratica inserisce codice JavaScipt o HTML nelle pagine che l' utente di quel dato ISP visita... se non è una porcata questa...

Etichette: ,

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti