<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Spamming professionale 13/11/06

Lo spam nelle serp dei motori di ricerca

Trovandomi spesso a consultare risorse e forum sul tema del posizionamento nei motori e di page rank ho notato alcune pratiche, o meglio, attitudini che vorrei qui contestare...
premetto che non sono un censore, o un moralista (e nemmeno ho nessuna voglia di esserlo), ma la realtà è oggettiva e i rischi di un certo approccio alla professione del SEO riguardano anche me, quindi mi ritengo libero di difendere il mio lavoro... veniamo al dunque.

Oggi c' è un sistema assai radicato di network/directory domestici che invade le serp; per quasi ogni tipo di ricerca, centinaia di siti che nel migliore dei casi hanno l' aspetto della directory e che rimandano l' uno all' altro, in un circolo chiuso che è possibile spezzare soltanto usando l' adsense (peraltro sempre centrale in questo tipo di sistema)... non si tratta di spam diretto, ma a me questo interessa poco.

Poniamo di essere avanti di un pò di tempo (diciamo un anno): che prospettiva ha un utente di scovare risposte o esaudire pulsioni consumistiche? Rischia di entrare in circuiti chiusi, e sicuramente l' esperienza via via maturata (la delusione anche) lo porterà altrove, o farà diminuire l' aspettativa. Da questo punto di vista l' esempio classico è quello degli annunci sponsorizzati su Google: facendo ricerche per chiavi di ricerca particolari o popolarissime (immaginate comprare pc) che importanza darete alla serp e che importanza avranno gli annunci sponsorizzati? Voi quale link seguite?

(S)fortunatamente Google si stà raffinando, direi umanizzando (se fosse possibile...) e certi abusi potranno diminuire, ma se dall' altra parte, ogni giorno c' è un webmaster che inserisce 50 pagine (basta un semplice script) di link la guerra è costante e dagli esiti imprevedibili.
Badate bene, non si tratta mai di comportamenti palesemente disonesti; casomai di mezzucci, trucchetti, mosche fastidiose che fanno incazzare li per li...
il problema è a lungo raggio (lungo in termini "web" sappiamo quanto vale): cosa sarà la rete di domani? è già una jungla, ma il rischio grosso è quello che diventi sempre più controllata, anche per ovviare a certi comportamenti stupidi (con il rischio di perdere utenza).

Avere una directory è utile se serve a qualcuno: directory locali, tematiche, comunitarie e sociali, sono di servizio, utili all' utente e con un buon ritorno. Realizzare una directory generalista (direi onnivora) vuo dire competere con Yahoo, DMoz e decine di altre che operano da anni ed investono molto in quello che fanno. Fargli concorrenza vuol dire fare concorrenza a tutto meno che ai diretti interessati; vuol dire creare un caos primordiale che solo gli algoritmi (sempre più umani e spesso censori) sapranno controllare, prima di tutto a nostre spese.
Lo stesso dicasi dei network, anche non professionali: se un 'agenzia, un consulente, un grafico vuole creare un network di contenuti, di divulgazione o di quello che vuole nessun problema; la rete è questo, ma anche qui rispettiamoci, non prendiamoci in giro e non vendiamo (scriviamo) aria fritta...

Questo post è conseguente alla lettura di alcuni messaggi nei forum di settore che riguardavano l' utilità (in ottica SEO) di un link da Wikipedia... cosa cosa, un link da wikipedia? ragazzi c' è un limite a tutto...
Lo spazio è infinito, basta ricordarsi che tutto ha una fine (e qualcuno non vedrebbe l' ora)...
[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti