<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Virus e malware nelle serp di Google? 01/10/07

A quanto pare le SERP (Search Engine Results Page) di Google sono pericolose; segnala The Google Watchdog che, cercando specifiche (quanto imprecisate) keywords c' è il rischio di vedersi infestare di malware il computer...

» continua

Questi sono i punti come li riporta il blog citato:

  1. Eseguendo una specifica ricerca (nel dominio google.com) compaiono numerosi siti con estensione .cn (cinese)
  2. I siti in questione "prendono" i contenuti da siti attendibili statunitensi
  3. Per le keywords incriminate i siti "truffaldini" superano i siti attendibili nel ranking di Google
  4. Quando un utente entra nei siti .cn viene reindirizzato verso altri siti che tentono di inserire malware nel suo computer (e in caso di bassi livelli di protezione ci riescono)
  5. I siti incriminati non risultano hostati da nessuna parte (e questo è gravissimo); il risultato della SERP mostra in realtà un puro redirect di un dominio... e questo è un mistero (le pagine esistono solo negli indici di Google..?)
  6. Evidente come l' operazione sia contraria a qualsiasi linea guida (Google in primis) e quindi appare chiaro che di hacking si tratta
  7. I siti in questione godono di un ottimo ranking per moltissime parole chiave

Dopo la sintesi (che serve anche da invito a stare in campana) è lecito porsi alcune domande, diciamo in ordine sparso:

È stato "violato" l' argoritmo?
È stato corretto il problema?
Per caso ci sono aggiornamenti in corso (in fase di testing è facile lasciare qualche falla) e se si di cosa si tratta?

Potessi andare mercoledì al Google Web Masterminds giuro che sarei curioso di chiederlo a qualcuno...

Etichette: , , ,

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti