<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Nuovo blog in casa Google 28/05/07

Con una settimana di ritardo vi segnalo un nuovo blog che arricchisce la già numerosa famiglia dei blog di google. Google Online Security Blog si propone come strumento di analisi e ricerca in un campo vitale, la sicurezza dei siti web.

Nel post introduttivo viene descritto uno dei problemi maggiormente diffusi, cioè siti web (ma molto spesso server) che contengono malware...

» continua

Nell' analisi realizzata (versione completa in PDF) sono stati inseriti miliardi di siti ed una prima "scansione" ha rilevato 12 milioni di siti sospetti; di questi, oltre un milione conteneva malware. Molto spesso i titolari del dominio si trovavano all' oscuro dei potenziali rischi che il loro sito faceva correre agli utenti.

L' analisi comprende anche alcune mappe di distribuzione del fenomeno; ad esempio, riguardo i siti web compromessi e la loro locazione. Stati Uniti e Cina (in rosso) poi Russia e Germania sono i paesi con il più alto grado di pericolosità:

Mappa numero 1-siti corrotti da maware

La seconda mappa invece si occupa dei server; in questo caso la distribuzione geografica dei server contenenti malware, sempre la Cina davanti a Stati Uniti e Russia:

Mappa numero 2- server con malware

La situazione è questa e francamente, considerando i numeri, è preoccupante; dovremmo ricordarci più spesso che il nostro amato giocattolo potrebbe implodere... nel frattempo un pò di autodifesa, StopBadware, un sito di utilissime risorse per l' analisi ed eventuale pulizia di un sito internet.

Etichette: , ,

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti