<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Usare o provare 07/12/06

Usare qualcosa, un bene, un servizio, un blog, è ben diverso del semplice provarlo; perchè dico questo? Perchè è importante ricordarlo, semplice.

Sempre più spesso ci lasciamo guidare dal "luccichio", dal primo contatto (e badate, io chiaramente mi riferisco alla rete ma il ragionamento è valido anche, anzi soprattutto nei consumi "tradizionali") e dalla confezione del prodotto: facciamo l' esempio dei servizi cosiddetti web2 (alcuni per la verità lo sono veramente almeno nelle intenzioni); quante volte abbiamo scelto il nostro sistema di bookmark, o la gestione dei feed, motivati dalla prima impressione o (peggio) dal fatto che "ce l' hanno tutti". Questo, di per sè, non è niente di grave, nel senso che le impressioni contano e l' istinto è comunque una dote che l' uomo si porta dietro, basta ricordarsi la regola introdotta all' inizio: provare non è usare.
Solo dopo un uso costante ed intenso saremo in grado di giudicare, matureremo l' esperienza necessaria e allora saremo in grado di scegliere (a questo servono le demo).

Estendere questo ragionamento nel nostro lavoro è assolutamente fondamentale ma altrettanto difficile; come spiegare ad un cliente che un sito ha bisogno di tempi tecnici, perchè di questo si tratta: il tempo necessario a comprendere i reali bisogni, le possibili variazioni e gli eventuali adeguamenti/miglioramenti tecnici. Un progetto serio e credibile deve prevedere una fase, diciamo beta; questo naturalmente porterà a dei tempi più lunghi ma ci offrirà la certezza (devo dire relativa?) di aver svolto pienamente il nostro lavoro.

E se proprio non dovessimo convincere nessuno, raccontiamo di blogger beta...

Etichette:

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti