<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Blogger: zero in condotta 10/04/07

In questa breve vacanza pasquale, tiene banco la discussione rilanciata da Tim O'Reilly su un codice etico di condotta dei blogger.

A pelle sarei per ignorare certi ragionamenti, lasciarli correre e decantare, con il massimo rispetto dettato dall' assoluto disinteresse; ma in questo caso le motivazioni sono pertinenti: il mezzo si sta evolvendo e la rete vede incrementare la popolazione residente, oggi ci vivono anche le persone "normali", quelle che trovi al bar, in treno, che lavorano o non lavorano, che vanno allo stadio, in chiesa o a puttane, quelli che scrivono canzoni o che minacciano qualcuno di morte...

» continua

Ovvio che termini come netiquette siano ignorati dai "nuovi arrivati" (ma anche da molti di noi cosidetti "maturi") e che spingerne la dottrina sia opera saggia (oltre che necessaria); su questo piano è giusto lavorare.

Parlare di un codice etico di condotta è utile? No, proprio perchè c' è un codice etico di condotta che non è quello dei giornalisti; qui siamo su internet e chi scrive su un blog (che per alcuni potrebbe non essere un blogger) conosce quel codice, magari dovrà aspettare il commento giusto per capirlo, la sparerà grossa e qualcuno che ne sa più di lui lo sputtanerà (e questo è un post a rischio).

Sono convinto che il tono che ha preso la conversazione (anche in Italia) sia giornalistico, pardon, rivolto ai giornalisti (che hanno anche un blog, ma non è detto che siano blogger): la loro professione cambia sopra le loro teste (o sotto i piedi) e se i più sensibili lo sanno (da parecchio) altri sembrano spaventati e indaffarati a cercare di posizionare ogni atomo al suo posto...

Le regole scritte, tipiche del brutto mondo "non connesso" difficilmente serviranno a qualcosa ma richiamare quello che è gia prassi (magari nei nostri circoli di avanguardisti o di nerds frustrati) farà sicuramente bene.

Etichette: , ,

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti