<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16734928\x26blogName\x3dSid05+weblog\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dSILVER\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://sid05.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://sid05.blogspot.com/\x26vt\x3d2587781031737933902', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Sostiene Quintarelli... 17/10/07

i love net neutrality

Blogosfera, svegliati! (sostieni la net neutrality) e come al solito ha ragione da vendere.

L' occasione è il lancio (con tanto di notizia/spot) del nuovo servizio di podcast mobile di Vodafone che (ma ormai siamo recidevi) nasconde al suo interno la battaglia delle battaglie... ovvero la battaglia per una rete neutrale...

» continua

Ma cosa significa rete neutrale (net neutrality)?
La definizione è di Tim Berners Lee e sostanzialmente prevede che ogni provider o ISP consenta l' accesso a TUTTA la rete e non solo ai propri servizi o contenuti. In pratica ogni utente del web, qualsiasi provider utilizzi, deve poter accedere a tutti i contenuti e deve potersi collegare ad ogni altro utente.

Per maggiori informazioni consultate la voce italiana di Wikipedia (o quella inglese).

Tornando alla segnalazione di Quintarelli il caso è assolutamente emblematico: solo alcuni podcast saranno disponibili per il download e la scelta è nelle mani di Vodafone; sarà Vodafone a decidere come, quando e cosa pubblicare.

Se ad una prima (superficiale) lettura la cosa non appare così scandalosa, basta approfondire un po' l' analisi e il messaggio appare chiaro; mi servo di un commento dello stesso Quantarelli:

Il problema e' che chi OFFRE contenuti e' discriminato, sicche, di fatto, chi offre contenuti deve passare dal "gatekeeper" dell'accesso alla rete

Piuttosto chiaro; io produco i miei podcast e se voglio distribuirli sul mobile devo necessariamente avere il benestare di Vodafone (che non sarà più solo un operatore di telefonia mobile)... raccolgo quindi il grido di Stefano e lo rilancio. Svegliamoci!!!

Etichette: , , ,

[Sid]
del.icio.us Digg technorati Design Float http://www.wikio.it oknotizie | Permalink | |

Ultimi commenti